Adeguamento statuti associativi - Sportello Terzo Settore

Entro il 02 Agosto, tutte le associazioni dovranno adeguare i propri statuti, vieni da Caf Acli Pisa

Entro il 02 agosto 2019, infatti, tutte le associazioni costituitesi prima dell’entrata in vigore del codice del terzo settore (03 agosto 2017) dovranno adeguare i propri statuti alle nuove norme previste dalla Riforma del Terzo settore.

E’ un momento molto importante perché le associazioni dovranno fare il punto sulle loro attività, sulla loro dimensione e su come vorranno sviluppare le attività associative future.

La Riforma del Terzo Settore, infatti, detta specifici e nuovi adempimenti che tengono conto delle attività svolte in concreto, del totale delle entrate economiche e della dimensione dell’ente.

Come poter adeguare gli Statuti?

L’aspetto più importante da approfondire riguarda la distinzione tra attività di interesse generale e attività diverse. Infatti, tra le modifiche statutarie che l’associazione dovrà adottare, sarà obbligatorio individuare separatamente queste due tipologie di attività perché ad esse saranno ricondotti anche adempimenti e regimi fiscali differenti.

Per quanto riguarda le attività di interesse generale, il codice del terzo settore individua, all’art. 5, l’elenco delle attività a cui l’associazione deve guardare per individuare quelle che ricomprendono le attività effettivamente svolte.

Questo è un punto su cui fare particolarmente attenzione: una recente circolare del Ministero delle Politiche Sociali chiarisce che devono essere presenti due requisiti:

  • Immediata riconducibilità a quelle elencate nel codice.
  • Ulteriori specificazioni circa i contenuti delle attività medesime. Questo è particolarmente importante perché la nuova normativa pone molta attenzione alle attività in concreto svolte

Lo statuto, in sintesi, deve rappresentare fedelmente l’attività associativa

Le attività diverse, invece, sono tutte quelle attività che non rientrano tra quelle di interesse generale.

La normativa prevede che siano:

  • Secondarie e strumentali rispetto a quelle di interesse generale
  • Previste dallo statuto per quanto riguarda la possibilità di svolgimento (l’individuazione in concreto spetterà poi all’organo direttivo)

 

In base alla dimensione dell’associazione, poi, potrebbe essere necessaria la previsione di organi sociali ulteriori rispetto a quelli tradizionali, come i revisori dei conti o l’organo di controllo.

Gli statuti così modificati dovranno poi essere approvati dall’assemblea ordinaria dei soci assemblea dei soci o da quella straordinaria in base alla tipologia di clausole che verranno inserite.

Dove potersi rivolgere?

Per aiutare tutte le associazioni che avessero bisogno di un supporto per l’adeguamento dei loro statuto, ma anche per quanti volessero costituire un’associazione, CAF ACLI Pisa mette a servizio lo Sportello Terzo Settore. Una squadra di esperti e consulenti specializzati che potranno assistervi in tutti gli adempimenti necessari per la vostra associazione.

Lo sportello è attivo presso la sede di Pisa, via Francesco da Buti 20, tutti i martedì pomeriggio.

Riferimenti terzosettore@aclipisa.it

050/913120 - centralino.nordtoscana@acli.it